Giardino della Villa di Geggiano

(Villa Bianchi Bandinelli)

Villa do Geggiano auf Deutsch

Villa do Geggiano in English

 

La villa di Geggiano, di proprietà della famiglia Bianchi Bandinelli dal 1527, si trova a 5 km dal centro di Siena vicino a Castelnuovo Berardenga, tra le colline e i vigneti che hanno reso quest'angolo di Toscana famoso in tutto il mondo per i suoi paesaggi unici, per la ricchezza della sua storia e per i suoi vini.

La villa, che risale almeno al secolo XIII, e il giardino devono il loro aspetto attuale a un rifacimento effettuato tra il 1780 e il 1790; monumento nazionale, costituiscono un complesso storico-paesaggistico molto raro per la organica conservazione di arredi e decorazioni.

Nel giardino, ornato da cipressi secolari, siepi di bosso scolpite e centenarie piante di limone in vaso, si trovano il caratteristico teatro di verzura, munito di due boccascena in muratura, in stile tardo barocco, ornati di statue e un orto-giardino decorato secondo i dettami dell'arte topiaria, con un frutteto e una peschiera a terrazza da dove si gode il magnifico panorama verso la città di Siena.
Nel fabbricato, ma con accesso dal giardino, si trova una piccola cappella consacrata di pregevole fattura, recentemente restaurata.

L'interno della villa conserva una galleria d'ingresso affrescata nel 1790 da Ignazio Moder, pittore itinerante tirolese, con varianti delle composizioni dei "12 mesi", tratte dalle stampe di Bartolozzi su disegni dello Zocchi. In altre cinque stanze, la Saletta azzurra, la Camera di Vittorio Alfieri (che vi soggiornò a lungo negli anni intorno al 1780, essendo stato amico fraterno di Mario Bianchi Bandinelli), il Salotto Verde, la Camera del Cardinale e il Ciarlatorio, sono conservati intatti l'arredamento originale in "veneziano rustico" e le carte e stoffe francesi che rivestono le pareti.

Nella villa il grande archeologo Ranuccio Bianchi Bandinelli scrisse molti dei suoi libri e nel giardino Bernardo Bertolucci ha girato le scene della festa del film "Io ballo da sola".

Giardini di Toscanae

Gardens of Tuscany © ammonet InfoTech 2005 - 2017. All rights reserved.